Home » Guida Acquisti » Box per Bambini » Box bambini: quale scegliere e cosa sapere
box bambini guida all'acquisto

Box bambini: quale scegliere e cosa sapere

L’acquisto di un box per bambini può sicuramente semplificarti la vita, dandoti la possibilità di controllarli da vicino ma anche di poterti allontanare per qualche momento, facendo sì che loro siano al sicuro.

I pediatri consigliano di iniziare ad utilizzarlo tra gli 8 e i 18 mesi, ovvero nel periodo in cui i bambini passano dalla fase carponi a quella in piedi, muovendo i primi passi. La differenza di crescita e apprendimento di un bambino varia da un soggetto all’altro, diverso pertanto sarà anche il momento, anticipato o posticipato, di approccio al box, che si sconsiglia comunque prima dei sei mesi.

L’acquisto di questo prodotto deve pertanto essere oculata e ben ponderata. Con questa guida, cercheremo di indirizzarti verso la migliore scelta di box per bambini. Procediamo con ordine, partendo dalla domanda che molti di voi si pongono:

Box bambini sì o no?

Ci troviamo in una fase molto importante e delicata della crescita del bimbo. In questo arco di tempo infatti subisce molti cambiamenti: riconosce i membri della famiglia perché a poco a poco inizia a vedere sempre meglio, incomincia ad afferrare le cose con le manine, i tuoi capelli ne sanno sicuramente qualcosa, e inizia a interagire con il mondo circostante.

box bambini quale scegliere
È questo quindi il momento giusto per iniziare a gestire le attività del bambino nel modo più stimolante possibile: la palestrina con i suoi colori e la musica, le sdraiette e le altalene, dove il bambino si rilassa e osserva tutto ciò che lo circonda, e infine il box. In realtà sono molti i genitori che si chiedono se sia una cosa buona o meno lasciare per un periodo di tempo, anche se limitato, il proprio bambino dentro il box.

Alcuni sostengono di sì: corredato da un buon tappeto accessoriato con giochi, specchietti e peluche, il box è ideale per far trascorrere serenamente del tempo al pargolo, mentre i maniglioni rappresentano un valido aiuto e un sostegno per alzarsi in piedi e muovere i primi passi senza il rischio di cadere e farsi male. Tenuto nella stanza del bambino diventa anche un comodo posto dove riporre i giochi del piccino in attesa di un’altra memorabile avventura. Per un adulto, inoltre, il pregio più grande di un box resta sempre la possibilità di sbrigare qualche faccenda usando due mani, guardando e pensando a ciò che si sta facendo. Bada bene, si tratta di pochi minuti, ma saranno sempre abbastanza per eliminare qualcosa dalla lunga lista di cose da fare di notte mentre il tuo bambino riposa.

Altri sostengono di no: lasciare un bambino “rinchiuso” in un piccolo spazio è limitante. Un limite per la sua crescita, per la voglia di sperimentare ed esplorare. Meglio lasciarlo libero di girare per casa, adeguandola per quanto possibile alle sue esigenze con paraspigoli in gomma, levando gli oggetti più pericolosi e facilmente rompibili, seguendolo a vista.

Noi ti consigliamo di tenere a mente solo alcune accortezze:

  • se il bambino si rifiuta di stare nel box non costringerlo;
  • se devi lasciarlo lì per necessità, non far passare molto tempo;
  • inizialmente non lasciarlo solo ma resta con lui e giocaci in modo tale che possa prendere familiarità con il box;
  • se intendi punirlo per una monelleria non metterlo nel box, altrimenti lo vedrà come un posto dove scontare la sua punizione e non come un luogo dove giocare e sperimentare.

Caratteristiche di un box per bambini: quale scegliere

Cerchiamo di capire innanzi tutto quali sono le caratteristiche che un box deve avere affinché tu possa stare tranquillo e il bambino al sicuro:

  • Stabilità. Il box deve avere un sistema di fissaggio tale che non si possa muovere o chiudere accidentalmente da solo;
  • Il pavimento deve essere non solo antisfondamento, a prova di salti da campione, ma al contempo rivestito da una imbottitura non tossica e lavabile;
  • I bordi devono essere adeguatamente imbottiti per evitare che il bambino si possa fare male mentre gioca;
  • I materiali usati per la realizzazione di un box sono di fondamentale importanza per l’incolumità del bambino, soprattutto se pensiamo che il bambino non solo lo tocca con le mani, ma vi poggia bocca e lingua mordicchiandolo per gioco per testare i primi dentini, motivo per cui devono essere fatti con materiali di buona qualità;
  • Le sponde non devono essere inferiori ai 70 cm di altezza, in modo tale da evitare che il piccolo esploratore possa “fuggire” dal box senza la tua supervisione;
  • La rete deve essere realizza a maglie fitte in modo tale che il pupo giocando non resti impigliato con le gambe o le braccia facendosi male;
  • Deve presentare il marchio di sicurezza CE, ovvero l’attestazione che il prodotto è stato valutato e rispetta i requisiti previsti in materia di sicurezza dell’Unione europea;
  • Potrebbe mangiarvi seduto dentro o sporcarlo mentre vi gioca, ecco perché il materiale che riveste il box deve essere lavabile.
  • Facilmente richiudibile e trasportabile: il box non nasce come complemento d’arredo, deve essere pratico e funzionale e servire in ogni occasione e in ogni luogo. Escluso il viaggio, che sia la casa dei nonni, di amici o parenti, il suo uso è sempre lo stesso: apri-giochi-chiudi!

Perché il box del bambino non è adatto per un viaggio? La risposta è semplice ed è legata a fattori di sicurezza, comodità e praticità. Sappiamo benissimo che quando si parte con un pupo, i vestiti di mamma e papà stanno in una sola valigia e le altre due servono per lo stretto indispensabile del bambino. Per cercare di ottimizzare gli spazi, in caso di viaggio, o comunque di uno spostamento che comporta il pernottamento fuori dalla propria casa, più che un box ti consigliamo un lettino da campeggio, una soluzione che ti permette di prendere due piccioni con una fava. All’apparenza simili, perché effettivamente un bambino può giocare in entrambi, il lettino da viaggio, proprio perché è dotato di un materasso ad hoc, ti offre però la possibilità di sfruttarlo anche come lettino.

I pro di un box: rappresentano uno strumento di conquista e divertimento per il bambino. Qui inizia le sue prime esperienze personali, come il mettersi in equilibrio sulle proprie gambe. Rappresenta un ambiente nuovo, anche se circoscritto, che stimola la fantasia e la manualità del pupo in crescita. Non si deve sottovalutare anche un altro importante fattore, ovvero la possibilità che ti concede di rispondere al telefono o di bere un caffè senza paura che possa succedergli qualcosa.

I contro di un box: essendo comunque un ambiente circoscritto, non si deve abusare del suo uso. In pratica ricordati che il box non è un parcheggio per bambini.

Tipologie di box per bambini quale comprare quindi?

Le tipologie di box più usate per funzionalità, design e accessori sono fondamentalmente due:

  • Il box per bambini quadrato, che ben si adatta a qualsiasi tipologia di ambiente, dal soggiorno alla cucina, dalla tua camera da letto a quella del bambino, ha bisogno di un ambiente in cui possa occupare almeno un metro di spazio. Le sue misure standard sono: 107 x 75 aperto, 24 x 96 chiuso.
  • Il box per bambini rettangolare, indicato anche per ambienti piccoli, è facilmente gestibile e spostabile da un punto all’altro dell’appartamento. Le misure standard di questo tipo di prodotto, indipendentemente dalla marca sono 115 x 79 x 78 cm aperto, 24 x 96 cm chiuso.

Box: semplice, in legno, con apertura laterale o accessoriato?

Una volta scelta la forma in base alle nostre esigenze non ci resta che scegliere il modello. Ecco alcuni modelli, tra i migliori del 2016, scelti da noi per te.

In linea generale tutti i box si presentano con una solida struttura interamente imbottita per proteggere il bambino. In questa categoria rientrano anche quelli che noi definiamo modelli semplici, ovvero box da arricchire e personalizzare con i giochi preferiti del tuo bambino, perché si senta a casa. Se sei d’accordo con questa linea di pensiero, ti invito a considerare il Brevettato di Cam, nella variante Fantasy o Orso. Ideale per i bambini con un peso inferiore a 15 kg è dotato di 4 maniglie, corrimano e protezioni imbottite. La rete a maglie fitte e il tenero disegno rendono questo prodotto ideale per un cucciolo d’uomo.
Pensato per le bimbe, il Royal Box 584HK di Brevi con Hello Kitty offre comfort e coccole a volontà. Con bordo arrotondato e rivestimento antimorso, ha una chiusura verticale ed occupa poco spazio.
Alcuni box, invece, sono provvisti di aperture laterali con cerniera che permettono al bambino di muoversi liberamente e di giocare. È questo il caso del Box Open della Chicco disponibile in tre colori diversi. Ha una struttura quadrata e una volta piegato occupa pochissimo spazio. Grazie alla sua borsa da viaggio è facilmente trasportabile anche a casa dei nonni per un pomeriggio in loro compagnia. Il box è dotato di un tappeto utilizzabile anche all’esterno che permettere al bambino di interagire in modo sicuro con l’ambiente che lo circonda. Il tappeto è dotato di un dispositivo sonoro, di colori caldi per stimolare visivamente il bambino e giochi pendenti e staccabili che stimolano le sue capacità tattili.
Vi sono box, infine, che si presentano con accessori di serie, per la gioia dei vostri bambini. La Cam ad esempio propone il Brevettato mille giochi in quattro diversi allestimenti tutti da giocare. Studiato per accogliere il vostro piccolino fin dai primi mesi, presenta una morbida imbottitura che cambia forma in base al modello. Con lo sviluppo del bambino, anche il box cambia forma e si arricchisce di elementi ludici atti a sviluppare le capacità del bambino con diversi giochi: sonaglino, specchietto, carillon.

La presenza di un tappeto gioco, poggiato sulla base imbottita del box, ha una doppia importanza: dare una maggiore protezione al bambino, rendendo il box al suo interno ancora più morbido e a prova di urto, e intrattenerlo in maniera costruttiva. Disegni in rilievo, musica e figure, pupazzi e carillon sono infatti tutti elementi che fanno del box un buon compagno di giochi.

Sulla stessa linea troviamo il Soft & Play Best Friends di Brevi. Il tappeto morbido può essere sfruttato anche fuori dal box. Dotato di un arco rimovibile con asole per l’applicazione di giochi, questo prodotto dai colori caldi è omologato per i bimbi dalla nascita ai 15 kg. Il box si apre e si chiude a compasso con un solo gesto, anche se il tappeto è inserito al suo interno. Chiuso occupa pochissimo spazio. Altra proposta Brevi è il Soft & Play Bianconiglio. Le rifiniture curate nel dettaglio, i colori tenui sono elementi caratteristici di questo prodotto che offre un morbido tappeto interattivo per intrattenere il bambino in maniera sana e costruttiva, accompagnandolo nelle fasi di crescita e di sviluppo motorio. Ha una chiusura verticale che occupa pochissimo spazio.

Altra tipologia, diversa dalle precedenti, è il box per bambini di legno. Dotato di una base morbida, regolabile in altezza, anche questa rappresenta una solida alternativa su quattro ruote, due delle quali dotate di freno. Diversi nelle forme, dal box rettangolare a quello esagonale, hanno interni sfoderabili. Il Box lusso per bambini di Honey Bee è ad esempio un prodotto stabile e facilmente montabile. I suoi bordi sono arrotondati e il rivestimento è sfoderabile, lavabile e ovviamente imbottito. Con tre variazioni d’altezza, accompagna fin dalla nascita il bambino nel corso della sua crescita.

Questi quindi i principali modelli oggi presenti sul mercato che soddisfano le esigenze di chi cerca un prodotto che nel suo insieme si presenti come sicuro, divertente, utile e poco ingombrante.

I prezzi migliori

Nessuna paura, che sia con Hello Kitty o con altre fantasie, i box per bambini non hanno prezzi eccessivi e si mantengono al di sotto dei 150 euro.

Per i modelli più semplici i prezzi si aggirano intorno ai 50/60 euro, sono più cari invece i box accessoriati.

È possibile effettuare il loro acquisto sia online presso i portali più conosciuti e accreditati come Amazon ed eBay, oppure alla vecchia maniera presso qualsiasi negozio specializzato in articoli per bambini.

Se non vuoi comprarlo nuovo puoi sempre ricorrere all’usato comprando, anche in questo online su Subito.it.

Come vedi ci sono molte possibilità, a te la scelta!

L’acquisto di un box per bambini può sicuramente semplificarti la vita, dandoti la possibilità di controllarli da vicino ma anche di poterti allontanare per qualche momento, facendo sì che loro siano al sicuro. I pediatri consigliano di iniziare ad utilizzarlo tra gli 8 e i 18 mesi, ovvero nel periodo in cui i bambini passano dalla fase carponi a quella in piedi, muovendo i primi passi. La differenza di crescita e apprendimento di un bambino varia da un soggetto all’altro, diverso pertanto sarà anche il momento, anticipato o posticipato, di approccio al box, che si sconsiglia comunque prima dei sei…

Score

Voto Utenti : 4.15 ( 2 voti)